RSS Bookmark / Share

Archive for August, 2012

August 7th, 2012

The Mantra ATSMM: Nuove Imprese Interstellari

Comments Off on The Mantra ATSMM: Nuove Imprese Interstellari

Sono accadute tante cose dall’ultima volta che abbiamo scritto pubblicamente su questo blog, chiudendo gli occhi, il pensiero del tour inglese ci fa sentire invecchiati di dieci anni, invece solo pochi mesi sono passati dall’ultima esperienza fuori dai confini della nostra Italia e dai nostri amati racconti.

E intanto?

Intanto si giunge sempre più al nocciolo delle problematiche e delle esperienze musicali che coinvolgono aspiranti musicisti negli anni dell’estinzione, quelli tanto attesi dai Maya, quelli confusi dal mercato libero, quelli delle produzioni fai da te, quelli del talento dei talent show, quelli dei dischi virtuali e dei giornali senza carta.

Ma procediamo con ordine :

Dopo la pubblicazione di Ghost Dance, il nostro secondo disco, e dopo il tour inglese siamo tornati in patria e come gruppo spalla di una delle più acclamate band in circolazione nel belpaese, Il Teatro Degli Orrori, siamo arrivati a suonare in quelli che da sempre abbiamo reputato i palchi che hanno fatto la storia della musica rock in Italia. Quando dopo un lungo viaggio arrivi all’Alcatraz di Milano senti l’adrenalina e la magia del posto già nel varcarne la soglia, al momento del soundcheck già ti sembra di sentire il respiro delle tante persone che aspettano l’ apertura delle danze.

Così è stato durante il mese di marzo anche nelle tappe di Brescia, al Latte più, di Pordenone al Deposito Giordani, di Bologna all’Estragon, di Roma all’Orion, dove abbiamo suonato per più di duemila persone – è stata un’esperienza incredibile, è straordinario vedere così tante  le mani battere al tempo di una canzone che hai scritto.

Nascono nuove amicizie, nuovi rapporti di lavoro, nasce soprattutto tanta fiducia in quello che è il tuo percorso musicale e per un attimo ci si riesce a sentire padroni del tempo.

Intanto vengono pubblicate ottime recensioni del nostro disco eppure la gloria dura l’istante di leggerle, già si è pronti a passare oltre, alla nuova novità senza aver assaporato la vecchia.

Image

La nuova situazione lavorativa ci porta a conoscere nuovi giornalisti e così ci ritroviamo ad essere ospiti della RAI, prima a Roma, negli studi di Saxa Rubra per la trasmissione di Radio Rai Tre Stereonotte e poi

Napoli a registrare un live per un’altra trasmissione di MammaRai : Asiago Live.Image

Conosciamo anche qui grandissimi giornalisti e personaggi che hanno intervistato nella loro carriera pezzi di storia come i Rolling Stones, come Kurt Cobain o David Bowie e che oggi vista la promozione culturale prevista nel nostro paese, sono rinchiusi nei loro uffici ad organizzare il palinsesto pubblicitario della Radio più importante d’Italia.

La tappa successiva ci vede nella nostra amata Napoli, in occasione della festa della musica, a suonare in uno dei posti più inusuali ed al contempo affascinanti : la chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio.

Prima del concerto una riunione alla quale avrebbero dovuto presenziare Sindaco ed assessore ma che purtroppo si è ridotta nuovamente alla solita conversazione tra addetti ai lavori, pronti a presentare milioni di progetti che non saranno mai realizzati e con tutta probabilità neppure letti.

 

 

 

Ora siamo in Sicilia, reduci da tre date che ci hanno riportato a tanti anni fa, a quando iniziavamo a suonare, in locali piccolissimi pronti a metterci in gioco per quel minimo valore che può avere oggigiorno il comunicare.

Sempre in cammino, speriamo di non dimenticare la nostra missione, di non confondere la bellezza con la fortuna, di conservare la sacralità di un gesto che l’uomo immotivatamente compie da sempre : suonare.

Image

Tra fine agosto ed inizio settembre avremo altre date con Il Teatro per ritornare il 20 settembre nel baluardo difensivo della nostra città : Il Maschio Angioino.Image

August 5th, 2012

Animation | Transparent Heart – Out September 25th 2012

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , | 0 Comments

Bob Belden Unveils a Dark Narrative of Manhattan on Second Animation Project, Transparent Heart, Available on RareNoise Records, September 25

Following on the heels of Animation’s 2010 RareNoiseRecords debut, Asiento, and 2011’s Agemo, saxophonist-composer-bandleader Bob Belden tells his own story on Transparent Heart. With his new Animation lineup consisting of young musicians hired from his alma mater, the University of North Texas (23-year-old keyboardist Roberto Verastegui, 24-year-old bassist Jacob Smith, 29-year-old trumpeter Pete Clagett and 20-year-old drummer Matt Young), Belden unveils a dark narrative as heard through the musical diary he has composed over 29 years of living in Manhattan.

An imposing electronic noir masterwork, Transparent Heart travels from Belden’s initial awestruck impressions of New York City (“Terra Incognito”) to his feelings of foreboding (“Urbanoia”) and hope (“Cry in the Wind”) as a city dweller on Manhattan’s Upper West Side, to the pervasive angst of post-9/11 Manhattan (“Seven Towers,” “Provocatism”). He also addresses the mass exodus of artists from the city (“Vanishment”) and concludes his musical memoir with the clash of the social classes manifested in the Occupy Wall Street movement (“Occupy!”). Belden has concocted a powerful, provocative suite of music that is charged by the intensely driving, highly intuitive playing of his young energetic Animation band mates.

“This record is not a jazz record, it’s about my life in Manhattan,” says the Grammy® Award-winning composer-arranger-producer. “In essence, the music on Transparent Heart is a reflection of the lingering tension since 9/11. It’s an honest look at Manhattan through music.”

The concept for Transparent Heart has been in the making for more than 30 years. “I first visited Manhattan in 1979 when I was with Woody Herman’s band. I’ll never forget seeing the dark shadows, steam rising from the streets, crowds of strange people lingering in Times Square well past midnight, all the tall buildings and how they created a post-gothic canyon effect. That’s ‘Terra Incognito,’ a term used by local residents to describe Central Park above 96th street. Darwinistic Urban Gentrification. The uncertain outcome of riding the subway late at night. Alphabet City. Bonfire of the Vanities. AIDS. Subway Gunman. Guardian Angels. Central Park jogger. Preppie murder. Sparks Steakhouse. That’s ‘Urbanoia.'”

“Cry in the Wind,” with Clagett’s muted trumpet carrying the melancholy theme reflects another Manhattan experience, “One night from inside my ground-floor studio apartment I heard the voice of a woman crying for help faintly mixed with the sound of the wind and rustling tree leaves. Bringing my phone outside, I saw this woman who had just been stabbed, and called 911. She reached up, grabbed my hand, and didn’t let go until the ambulance got there. I helped this woman live because I cared. This tune is about hearing the cries in the wind of extreme loneliness and helplessness that are heard all the time throughout the city.”

The darkly propulsive title track echoes the hard-hitting production that Bill Laswell brought to Herbie Hancock’s 1983 hit single “Rock It.” To listen to Transparent Heart is to think about Manhattan’s self-reflective nature exemplified by extreme conflicts between physical/corporatist and social/humanist structures and the perpetual sense of energy that is created and dissipated illogically in light and shadow.

Seven Towers” is Belden’s reaction to the terrorist attacks on the World Trade Center. As Belden reflects, “9/11 is a reaction to the power and influence that capital, centered in Manhattan and symbolically the World Trade Center, has on parts of the world, in the form of abject terrorism. I watched it happen from Chambers street in Lower Manhattan. This tune recreates my own autobiographical timeline of 9/11. It starts with the NORAD radio broadcast finding out a plane hit the North Tower; followed by the NYPD and NYFD responding. It’s very haunting. I believe that this moment has defined the course of history for Manhattan as well as the world at large. This album is offered in deep respect to those who lost their lives that morning of September 11, 2001 and to the families that have to live with this loss forever.”

Provocatism” reflects the immediate aftermath of 9/11. “People fled the city as companies anticipated an economic downturn, laying off thousands upon thousands of workers. For years there were constant alerts, color-coded like a crayon book. Many small business, dependent on the World Trade Center complex, died after 9/11-replaced by the ubiquitous chain store, coffee shop, and branch-bank. The intense build up of the New York Police Department to the point of having one of the largest standing armies in the world, placing citizens under surveillance on the streets and in the subways-‘stop and frisk’ developed from this Quasi-military policing initiative.”

“”Vanishment” refers to the exodus of artists and musicians who couldn’t afford to live in Manhattan anymore to a point where the localized creative culture is now gone. Musicians work here in the clubs, but don’t live here. And you have this influx of college student musicians who have no real attachment to the city-it becomes a line on a resume. Thus, Manhattan post-9/11 is very different from the Manhattan that existed when I moved here in 1983.”

The final track, “Occupy!” is the most intense and harrowing of Belden’s musical memoir. His turbulent ode to the Occupy Wall Street movement is imbued with the sounds of screams and violence in the streets during clashes between protesters and police. “The Occupy movement is based on a psychological philosophy rather than political or industrial. These people are angry and frustrated with nowhere else to address their grievances, so they take to the streets-essentially declaring a philosophical war on Manhattan.”

The musicians on Transparent Heart are the most talented of their generation, performing complex operatic improvisations, sounds, and textures. They are serious musicians deep into the subtle and not-so-subtle nature of this music. That they are virtually unknown to the jazz public is a blessing, as you will hear them tabula rasa, with no conditions on what to expect. From this point on you will expect greatness from each one of them.

For Belden, Transparent Heart is a musical tool to get people to think about social issues. “Music must be returned to its place as a social engineer; provoking thought amongst society. This record is not about tunes, solos, and arrangements, it’s a way of telling a story that has something to do with my life, OUR lives, and for anyone who has ever landed with excitement, wonder, fear, and hope on this tiny island off of the coast of the United States. It’s not being a musician, but rather a citizen.”

August 2nd, 2012

Rare Noise Records, un’etichetta indie da Genova a Londra

0 Comments

David Fiuczynski - Planet MicroJam

Da Genova a Londra, dalla matematica applicata alla finanza e all’industria discografica. Una chiacchierata con Giacomo Bruzzo, 41 anni, genovese di origini, ma da tempo residente in Inghilterra, è l’occasione per ripercorrere un tragitto tumultuoso di vita e passioni che lo ha condotto, nel 2009, alla creazione della Rare Noise Records, etichetta indie emergente nel multiforme mondo della discografia mondiale.
A Genova Giacomo è legato, oltre che per le origini familiari, anche per il gemellaggio con il Gezmataz di Marco Tindiglia, il festival estivo che da poco ha chiuso i battenti e che da due anni ospita una Rare Noise Night dedicata ai gruppi dell’etichetta britannica.

Ma com’è che da Genova si diventa discografici a Londra? «In realtà sono in Inghilterra dal 1991, prima per gli studi alla London School of Economics, quindi per lavoro nel campo della finanza» racconta Giacomo. «Poi nel 2006 c’è stata la svolta: mi interessava seguire la produzione di documentari dedicati a musicisti, e mi sono imbattuto nel progetto Somma (Sacred Order of Music Magic and Art) basato sulla integrazione fra canti e musiche tradizionali tibetane e forme musicali contemporanee, dal dub al jazz. Dopo questa esperienza ho capito che il mio desiderio era quello di far nascere un’azienda dedicata alla produzione e distribuzione di musica, senza preclusione di generi, ma con la caratteristica essenziale che doveva essere materiale in grado di lasciare un segno».

Di qui la joint venture con il musicista e produttore Eraldo Bernocchi e l’inizio di un lungo lavoro di preparazione e studio in un settore totalmente nuovo, fino alla pubblicazione, nel 2009, del primo lavoro discografico, il cd Meditronica di derivazione Almamegretta, con Raiz e Polcari dal gruppo dub napoletano.
Da allora il catalogo Rare Noise è andato ingrandendosi al ritmo di 7/8 uscite l’anno, annoverando man mano nomi sempre più prestigiosi, reclutati dal catalogo mondiale della musica trasversale: da Bill Laswell a Bob Belden, da Robin Guthrie ad Harold Budd.
«Nonostante le piccole dimensioni, cerchiamo di investire molto nel marketing dei nostri prodotti, supportando gli artisti che ci convincono dal punto di vista creativo e cercando di spingerci anche in territori non troppo frequentati: in periodi di crisi come quello attuale ci sembra una strategia che può dare risultati positivi».

E ad elencare il catalogo c’è in effetti da rimanere sorpresi di fronte alla varietà ed alla originalità delle proposte, tutte disponibili per ascolti di assaggio sul curato sito delll’etichetta: si va dal dub dei primi lavori al drum’n bass speziato di jazz ed elettronica  di Method of Defiance, una delle molteplici creature del poliedrico Bill Laswell, dall’ambient di Winter Garden di Bernocchi, Guthrie e Budd al neo folk virato trip hop degli Owls (Eraldo Bernocchi, Tony Wakeford e Lorenzo Esposito Fornasari), al dark metal di Obake (Massimo Pupillo, Eraldo Bernocchi, Lef and Balazs Pandi) fino al versante più vicino al jazz, con la coppia di lavori dedicati alla reinterpretazione delle composizioni di Bitches Brew di Miles Davis: Asiento ed Agemo, del progetto Animation, allestito dal sassofonista statunitense Bob Belden.

Non manca una piccola rappresentanza italiana con i napoletani The Mantra Above The Spotless Melt Moon, autori di un indie rock sognante e rarefatto, e con il bassista romano Lorenzo Feliciati, mente dei Naked Truth e reduce dalla pubblicazione dell’esordio solista Frequent Flyer in cui il jazz si fonde con il prog.

Parlare dei progetti Rare Noise con Giacomo è come farsi svelare da un inventore l’emozione della scoperta: è un vulcano in piena eruzione quando ti fa ascoltare anteprime, illustra progetti ed iniziative in cui non vede l’ora di lanciarsi: «L’anno prossimo ricorre il decennale del Gezmataz e vorremmo incrementare la nostra presenza all’interno del festival, che nel giro di due anni ci ha consentito di portare al pubblico genovese quattro band apprezzate come Naked Truth e Brainkiller, Interstatic e Planet Microjam. Speriamo di riuscire a moltiplicare gli eventi, magari estendendoci anche ad altre zone della città che sarebbe bello vestire con la nostra musica».

Un punto di riferimento certo per risalire alla filosofia dell’etichetta è che non si tratta mai di musica da sottofondo o accomodante. «Le nostre scelte sono sempre rivolte a proposte che possano colpire l’ascoltatore, in vari modi, da quello emotivo fino al livello fisico, puntando sull’abbattimento delle barriere fra i generi e su un circuito di scambi reciproci fra i musicisti coinvolti. Dalla sua nascita l’etichetta è gradualmente cresciuta, ed ha consolidato una riconoscibilità che vorremmo valorizzare anche con scelte innovative di distribuzione. Ci piacerebbe essere considerati nel tempo come una sorta di Ecm (l’etichetta di Monaco specializzata in jazz e world music) un po’ bislacca».

Thanks to Andrea Baroni

Signals

  • RareNoiseRecords Jukebox
  • Tags

  • Admin

    © 2010 DenseSignals
    WordPress Blog designed
    & built by Salt